GIOIE NEGATE
   



Quanto mi mancano madre,le tue carezze negate,
ne soffro ancora oggi, l'assenza.
Eri gelosa dell'adorazione di mio padre per me bimba.
E quando tutti dicevano"bella"tu rispondevi: "troppo magra,non ha fianchi...."E nemmeno i miei capelli ti piacevano"troppo dritti!" dicevi perché non erano neri e ondulati come i tuoi,e mi hai rasata,facendomi vergognare,
e prendere in giro dagli altri bambini solo perché una ignorante ti aveva detto che sarebbero ricresciuti ondulati,dimenticando che anche la mia nonna paterna,veneziana dai capelli biondi ed occhi azzurri,mi aveva tramandato i suoi capelli lisci come seta.
Semplicemente "castani" definivi cosí il colore dei miei occhi,non belli neri come i tuoi,ma non vedevi,alla luce del sole,un fondo di pagliuzze dorate nascoste tra le mie ciglia.
Hai fatto di me un adolescente insicura,ma ora io donna ,vorrei tanto sentire le tue mani,e sempre mi mancheranno, quelle tue carezze negate,che poi dopo anni hai riversato generosamente su mio figlio, quasi come per chiedermi perdono.

Nadia Mazzocco 

Home